Omicidio o mi dici dio


Il volto piegato all’indietro dal dolore. Era stato un attimo. Lo aveva preso alle spalle piegandogli il collo, adesso aveva gli occhi fuori dalle orbite e un rivolo di sangue che scendeva dalla bocca.
L’uomo si mise a cercare nella stanza tra le varie scartoffie e giornali porno, velocemente, dietro la porta c’era Jeremy che stava spingendo cercando di buttarla giù. L’uomo iniziò a sudare, non riusciva ad aprire un armadietto dove si trovava la sua droga. L’Anciol. Un potente allucinogeno utilizzato nell’ultima grande guerra che permetteva di sentire i pensieri degli altri. Bum bum bum. Jeremy contro la porta. Sprank. L’aveva spalancata, l’uomo era fermo e tremante, un rivolo di sudore scendeva dalla fronte, gli occhi allucinati, era in evidente stato di alterazione, probabilmente astinenza. Puntò la pistola contro Jeremy,  il grilletto sul polpastrello. Click click… erano finiti i colpi e lentamente con la mano tremante portò il braccio lungo la gamba aprendo piano la bocca come per tirare fuori un urlo. Jeremy si avvicinò a lui, lo prese per il collo, sentì una violenta scossa penetrargli dentro e strinse forte. Cadde a terra inerme. Adesso avvertiva la morte di quel giornalista ucciso. Prese il cellulare e chiamò l’FBI.

Fuori c’era il rantolo e il mormorio di un mare in tempesta.

Annunci

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...