Divelto


Nel mio velluto arancio sale su nel blu cielo indaco, del mio vello scivolato ad agguantare mani resta la mia onda sincronizzata sulla spiaggia, spumata come un felino senza pelli, divelto come i tuoi maledetti occhi senza volto, io mi giro, volgo a te il mio ballo, mi stiro sul tuo finto cadavere dormiente tra le vere e i diamanti frastornati dalle campane di cristallo che giudicano le vette, come Cristo quando tornerà a selezionarci, tra buoni e cattivi non saprà più cosa cogliere, ci accoglierà forse tutti, noi accecate anime bramose che non ricordiamo più il peccato. Saremo divelti come alberi in una tempesta e correremo svelti, svelti, da questa sera che ci chiude come ragnatela.

Annunci

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...