Le distanze insormontabili tra uomini e donne


Distanze che non si colmeranno mai, neanche con dei colmi,
vuote distanze tra me e gli altri, tra i sognatori e gli svegli.
Ho cercato di salvare la tua anima, ma come ho potuto pensare di farlo,
quando mi è impossibile salvare la mia di anima,
ho cercato di raggiungerti a casa e di farti sentire sicura
ma sono illusioni che si perdono nel tempo
nessuno cura o salva l’altro, pensavo mi potessi curare,
pensavo mi potessi nutrire attraverso i tuoi seni
dove dietro batte il cuore che pensavo fosse l’amore
sono stato un sognatore e adesso vivo solo incarcerato
nei castelli in aria nonostante la mia fin troppo rigida realtà
le catene ai polsi sono state create dalle mie favole
e adesso sono prigioniero di una casa che non è mia,
di un mondo da cui vorrei fuggire, di nuovo.
Per raggiungerti forse ancora un’altra volta, l’ultima,
e se mai capitasse di darci il bacio, quello sarebbe reale,
l’inizio della nostra realtà, nobile, reale. Io il re tu la regina. 
E faremmo scacco matto nel mio castello in aria
giocando a fare i pedoni che attraversano gli strati
tra una nuvola e l’altra. 
Completamente disastrati. 

Annunci

Lascia un Commento!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...